Giusy Savatta, la mamma-assassina che ha confessato di avere ucciso le sue figlie Maria Sole e Gaia di 9 e 7 anni è stata trasferita in carcere.

Dimessa dall’ospedale ‘Vittorio Emanuele’ di Gela dove era ricoverata per un tentativo di suicidio è stata rinchiusa nella struttura penitenziaria Petrusa di Agrigento: la stessa in cui è reclusa Veronica Panarello, la mamma accusata dell’omicidio del piccolo Loris Stival.

La tragedia che ha sconvolto Gela e la famiglia di un ingegnere, Vincenzo Trainito si è consumata il 27 dicembre in via Passaniti 5, nel centro storico di Gela, dove viveva con le due figlie e il marito.

Giusy, insegnante di sostegno precaria, laureata in Lettere, era ossessionata da Veronica, da quel terribile fatto di sangue che si è consumato il 29 novembre 2014 a Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa. Veronica ha ucciso Loris e ha poi gettato il corpo nel canalone di contrada Mulino Vecchio.